"Maria, vi dono il mio cuore, fate che sia sempre vostro!” San Domenico Savio

4 maggio 2022

2015%20-%20Torino%20(7)_edited.jpg

Domenico Savio aveva una profonda devozione alla Madonna, che amava di un amore sincero e filiale. Con queste semplici parole: “Maria, vi dono il mio cuore, fate che sia sempre vostro!” si consacrò a Maria del dicembre del 1854 (quando Papa Pio IX proclamò il dogma dell’Immacolata Concezione).


Nel 1856, con l'approvazione di Don Bosco, Fondò la “Compagnia dell’Immacolata”, sia per onorare il culto della Madonna che per aiutare tante anime a salvarsi. Lo scopo con cui nacque la compagnia era quello di assicurarsi la protezione dell’Immacolata perseguendo due intenti principali: esercitare e promuovere pratiche di pietà e carità in nome di Maria e confessarsi spesso.


I soci, oltre a portare devotamente una medaglia, dovevano avere “una sincera, filiale, illimitata fiducia a Maria, una tenerezza singolare verso di Lei, una devozione costante” e dovevano essere “amorevoli con il prossimo ed esatti in tutto.”


Infine, consigliava a tutti i fratelli aderenti alla Compagnia “di scrivere i SS. Nomi di Gesù e di Maria prima nel cuore e nella mente, poi sui libri e sopra gli oggetti che possono cadere sott’occhio.”


Nella Compagnia ogni socio doveva curare dei “clienti” che, nel loro linguaggio segreto, erano i ragazzi (indisciplinati o dall’insulto facile) di cui ogni socio doveva diventare angelo custode finché non riusciva a metterlo sulla buona strada.


A quasi quindici anni, nel marzo del 1957, nove mesi dopo aver fondato la Compagnia, Domenico morì lasciando un grande insegnamento per i giovani di ogni tempo: stare in gruppo è innanzitutto darsi una mano per diventare cristiani in gamba.


Don Bosco, poco dopo la morte di Domenico, in sogno chiede al ragazzo che cosa l’abbia confortato di più nel momento del trapasso e questo gli risponde: «L’aiuto della Madonna».

 

Invochiamo l'intercessione di questo piccolo, grande santo chiedendogli il dono della sua fiducia nella Mamma Celeste:

Angelico Domenico Savio

che alla scuola di San Giovanni Bosco

imparasti a percorrere le vie della santità giovanile,

aiutaci ad imitare il tuo amore a Gesù,

la tua devozione a Maria, il tuo zelo per le anime;

e fa' che proponendo anche noi di voler morire piuttosto che peccare,

otteniamo la nostra eterna salvezza. Amen.