Le paroline all’orecchio di don Bosco

30 gennaio 2022

2015%20-%20Torino%20(7)_edited.jpg

Don Bosco suggerisce a don Rua:“ Procura di dire all’orecchio qualche affettuosa parola che tu sai“.

La parolina all’orecchio“ di Don Bosco secondo la testimonianza dei suoi allievi era uno dei segreti educativi.

Don Lemoyne cercò di raccogliere queste paroline interrogando quelli che erano stati ragazzi di don Bosco. Eccone alcune tratte dal suo elenco:

- “Come stai? E di anima come stai?

- … Tu dovresti aiutarmi in una grande impresa. Sai quale? Nell’impresa di farti buono.

- Quando vuoi cominciare ad essere la mia consolazione? Quando vuoi che rompiamo le corna al diavolo con una buona confessione?

- Vuoi che diventiamo amici negli affari dell’anima?

- Temi che il Signore sia sdegnato con te? Ricorri alla Madonna, è la stella del mare.

- Il Paradiso non è affatto per i poltroni.

- Prega, prega bene, e certamente ti salverai.

- Ti trovi in tempesta? Invoca la Madonna e le stelle del mare.

- Pensa al giudizio di Dio.

- Non fidarti troppo delle tue forze.

- Pensa a Dio: sarai più buono e più contento.

- Se tu mi aiuti, voglio renderti felice in questa vita e nell’altra.

- Se tu mi aiuti, voglio fare di te un san Luigi.

- Chi persevera fino alla fine sarà salvo.

- Lavoriamo, lavoriamo, ci riposeremo in paradiso.

- Coraggio! Un pezzo di paradiso aggiusta tutto”.


Cosa sussurra oggi Don Bosco al nostro orecchio? Maria, che è stata sua maestra, ci renda attenti alla chiamata del Signore in ogni momento!



Da Teresio Bosco, “Don Bosco – una biografia nuova“