top of page

Non si stanca mai di amarci - Brandon Figueroa, sdb


Abbiamo sentito spesso che Don Bosco era solito ripetere ai suoi giovani: "Confidate in Maria Ausiliatrice e vedrete cosa sono i miracoli". Può darsi che questa frase sia un po' logora e perda la sua forza originale. Forse questo stava accadendo a me. Ma lei stessa mi ha ricordato quanto mi sia vicina.


L'amore per Maria si traduce immediatamente in un amore pieno per Gesù. Il cristiano autentico è mariano e viceversa. Il fine non è lei, è Cristo, suo figlio. Che umiltà! Tuttavia, ancora oggi ci mostra, come ha mostrato a Don Bosco e a tanti altri, che il suo amore per Gesù si traduce in amore per noi. Intercede continuamente per i suoi figli, li vede con amore, li ascolta con pazienza e li aiuta nei momenti di pericolo. Non per nulla Don Bosco sottolineava con i suoi ragazzi l'invocazione dell'"Ausiliatrice", e in una preghiera si dice con sicurezza che è "terribile come un esercito schierato in battaglia". Quanto amore si è tradotto in forza e protezione! E, purtroppo, in noi può spesso rimanere un amore superficiale. Ma nonostante questo, ci ama pienamente, perché ama Gesù. Gesù la ama pienamente perché ama noi. Alcuni potrebbero pensare che amare troppo Maria vada a scapito del nostro amore per Gesù... ma è vero il contrario! La amiamo perché Gesù la ama, e chi può amare più di Gesù?


Nei giorni scorsi ho fatto esperienza di questo grande amore che Maria ha per i suoi figli. Al CEDES Don Bosco, in Costa Rica, è consuetudine portare i giovani a fare un ritiro annuale fuori dall'istituto, come avviene nella maggior parte delle nostre case. Venerdì scorso, 12 maggio, stavamo viaggiando con un gruppo di ragazzi della scuola e purtroppo abbiamo avuto un incidente: l'autobus non è riuscito a fermarsi in una discesa e, per evitare ulteriori danni, l'autista ha deciso di svoltare sul ciglio della strada, causando il ribaltamento del bus. Quando, all'interno dell'autobus, ci siamo resi conto che l'autista non riusciva a frenare, mi è venuta in mente una sola cosa: "María Auxiliadora!" e ho pensato a ciascuno dei bambini che erano dietro. Come meglio potevo, mi sono aggrappato a un tubo davanti al sedile e il resto è avvenuto in pochi secondi. Ero appeso a un sedile, con un tubo sulla testa, il pollice al contrario e un leggero taglio sul braccio. Ho pensato ai ragazzi. Mi sono subito sistemato e mi sono assicurato che gli insegnanti vicini al mio posto stessero bene. Si sono alzati e insieme abbiamo iniziato a chiedere se tutti stavano bene. E lo erano. Tutti gli studenti hanno iniziato ad alzarsi, ad aiutarsi a vicenda, a rimuovere i pezzi di vetro. Immediatamente, alcuni muratori che si trovavano nei pressi del luogo sono venuti ad aiutarci e abbiamo iniziato a uscire attraverso il tetto dell'autobus. Poi è iniziato tutto il flusso di ambulanze, polizia e interviste. Nessun colpo forte, nessuna frattura, tutti stavano bene - con lievi urti e pianti, ma bene.


Nel bel mezzo della corsa per assistere le persone più colpite, ho rivisto l'autobus: era lì rovesciato... come mai si è ribaltato in quel modo? E poi ho visto i bambini: quasi quaranta, senza nulla di serio di cui preoccuparsi... Come abbiamo fatto a uscire vivi da lì? Ho potuto solo trattenere le lacrime e dire nel mio cuore: "Grazie Maria! Ti sei presa cura di noi.” Ci siamo occupati di ciò che era necessario, siamo andati in ospedale e abbiamo aspettato che tutti gli studenti tornassero a casa. Gli altri bambini, accompagnati da altri insegnanti, si sono recati all'istituto, sono stati assistiti a dovere e a poco a poco hanno iniziato a tornare a casa. È stata una giornata pesante e sconvolgente.


A casa, con alcune bende e medicine, andai alla cappella e cominciai a piangere. Ho pensato a tutte le cose che sarebbero potute accadere e a come quel viaggio si sarebbe potuto trasformare in una grande tragedia. La conclusione a cui sono sempre giunto dopo ogni ipotesi è stata: un miracolo! Stiamo tutti bene! È stato un miracolo della Madonna! Ho guardato le mie ferite e ho visto i segni dell'amore di Dio, dell'amore di Maria. Ogni cicatrice, d'ora in poi, mi ricorderà di quel bellissimo giorno in cui la nostra Madre Celeste ci ha protetto e ha pregato Dio di darci un'altra possibilità. La domanda e la sfida ora è: perché ci ha dato un'altra possibilità? La risposta spetta a ciascuno di noi in quel viaggio.


Guardando al contesto di questo incidente, non c'è dubbio che tutto si sia svolto in un'atmosfera prettamente mariana: nel mese di maggio, alla vigilia della celebrazione del centenario delle apparizioni della Madonna a Fatima, quasi all'inizio della novena a Maria Ausiliatrice... tutto faceva pensare a questo: Maria è il nostro aiuto! Così, il lunedì successivo, con tutti gli studenti, ho pregato l'Ave Maria con una devozione che raramente avevo fatto prima: ho visto i volti di coloro che erano su quell'autobus e ho chiesto a Maria di continuare a guidarli nella loro vita, di aiutarli a capire che Gesù li ama infinitamente.

Brandon Figueroa, sdb

Post recenti

Mostra tutti
LogoAdma2015PayoffADMA-OnLine_edited.png
bottom of page